XV° Congresso Internazionale Numismatico Taormina 21- 25 settembre 2015

Banconota


Il Congresso, che si svolge ogni 6 anni, e’ stato organizzato dall’Università’ di Messina in collaborazione con l’International Numismatic Council.

Quest’ultimo, fondato nel 1927, ha la missione di “promuovere la numismatica e le scienze affini, agevolando la cooperazione tra individui e istituzioni nel campo della numismatica e delle scienze affini”.

L’International Numismatic Council annovera attualmente oltre 160 istituzioni appartenenti a 38 diverse nazioni, fra queste musei, università, società e accademie numismatiche, sovrintendenze archeologiche e zecche di stato.

Le sue attività sono coordinate da un Comitato di nove membri che rappresentano i nove paesi eletti dall’Assemblea Generale, in occasione di ogni Congresso Internazionale di Numismatica (CIN).

Il XV° CIN si e’ svolto nella splendida cornice siciliana di Taormina, distribuendo le diverse attività nelle sedi più prestigiose: il Palazzo dei Congressi, il Teatro Greco, il Palazzo Corvaja, la Villa Comunale e il Palazzo dei Duchi di Santo Stefano; inoltre, visto l’alto numero dei relatori e le limitate giornate a disposizione, sono stati utilizzati anche alcuni hotel dotati di centro congressi.

Il Comitato scientifico del Congresso, presieduto dalla Prof.ssa Maria Caccamo Caltabiano, era composto dei Prof/Prof.sse: Mariangela Puglisi, Ermanno Arslan, Benedetto Carroccio, E. Daniele Castrizio, Lucia Tavaini e Sebastiano Tusa.

All’autorevole manifestazione hanno partecipato le più prestigiose istituzioni mondiali che studiano, ricercano e divulgano la numismatica, per citarne solo alcune: il British Museum di Londra, la Biblioteque Nationale di France, la Federal University di Kazan della Federazione Russa, il Numismatic Museum di Atene in Grecia, l’Universita’ di Cadice in Spagna, Harvard University in USA, l’Universite de Namur in Belgio, l’Hebrew University di Gerusalemme in Israele, l’Hunterian Museum di Glasgow in Gran Bretagna, il McMaster University di Hamilton in Canada, l’ University of Delhi in India, l’ American Numismatic Society di New York in USA, l’Ellenic Numismatic University della Grecia e lo Smithsonian Institution di Washington in USA.

L’edizione di Tormina ha visto la partecipazione alla manifestazione internazionale di 490 fra relatori e ideatori di poster e la partecipazione di oltre 700 studiosi.

I numerosi interventi sono stati selezionati per argomento di studio e aggregati in 10 macro-sessioni:

• Numismatica Generale

• Comunicazione e divulgazione numismatica

• Monete Greche

• Monete Romane

• Altre Monete

• Monete Medioevali e Bizantine

• Monetazione Moderna Occidentale

• Monetazione Islamica, Asiatica e Africana

• Monetazione dell’Oceania e delle Americhe

• Medaglie

che a loro volta sono state articolate in 51 sessioni identificanti gli specifici ambiti di ricerca:

Le Tavole Rotonde, sono state molto interessanti e ricche di spunti originali, gli intervenuti hanno dibattuto sulle seguenti tematiche: “Divina moneta”, “Networking Roman coin Data Repositories”, “Numismatic in the 21th century: Jobs, careers, professions for the young generation of coin enthusiasts” e “The new LANDscap of Greek Numismatics”.

La partecipazione italiana alla prestigiosa manifestazione e’ stata nutrita e diversificata: Università, Istituti, Sovraintendenze Archeologiche, Musei, Gabinetti numismatici, Accademie delle Scienze, Scuole superiori, Banche Nazionali, Archivi Nazionali, Centri nazionali per la ricerca scientifica, Circoli e Associazioni di numismatici e diversi studiosi di numismatica che hanno partecipato ai lavori a titolo personale.

In particolare per le associazioni numismatiche italiane la partecipazione al Congresso della “Accademia Italiana di Studi Numismatici” e’ stata cospicua e di grande interesse, realizzatasi attraverso i seguenti lavori:

• Giancarlo Alteri con “Un piccolo grande medagliere: le collezioni numismatiche della Veneranda Biblioteca

Ambrosiana”,

• Carbone Federico con “Semissi pestania Pompei: dati sulla circolazione”,

• Carroccio Benedetto con “Tesoretti, corrosione, coniazioni parallele, cronologia: i tridenti di Ierone II”,

• Chimenti Michele con “Archivio della Zecca di Bologna”,

• La Marca Antonio e Carroccio Benedetto con “Monete da scavi, scavi con monete il laboratorio della missione italiana

a Kime Eolica”,

• Lombardi Luca con Memmo Cagiati e l’opera “Le monete del Reame delle Due Sicilie” e “Antonio Salinas: cento anni

dalla scomparsa” (poster)”,

• Poddi Stefano con “I buoni dei prigionieri italiani della IIa Guerra Mondiale” e “The Euro – from the national

currencies to a common currency”(poster),

• Ruotolo Giuseppe con “Attualita’ dell’opera di Filippo Paruta – Dalla Sicilia descritta con medaglie edita in prima

edizione a Palermo nel 1612” e “Un simbolo religioso poco noto su monete di ΤAΡΑΣ: il ῥόμβος” (poster).

Fra le attività meritorie della “Accademia Italiana di Studi Numismatici”, c’e quella dell’istituzione di due prestigiosi concorsi a premi: il Concorso a Premio Tesi di laurea in Numismatica “Pro Mario Traina” e il Premio di numismatica “Memmo Cagiati”; durante la manifestazione siciliana sono stati premiati i vincitori dell’ultima edizioni di entrambi i premi.

Per il Premio “Pro Mario Traina” sono stati premiati:

• Selene Pacelli per “Le emissione monetarie di Festos” con il primo premio,

• Anna Sapienza per “Tetraskeles e triskeles sulle monete antiche – Semantica dei tipi” con il secondo premio,

• Matteo Broggini per “Il Tesoro di Montella (Avellino). Fiorini e Ducati d’oro occultati nella meta’ del Trecento” con

il terzo premio.

Il Premio speciale Arturo Lusuardi e’ stato assegnato a:

• Alessandro Duiz per una tesi su “Pesare le monete nell’Europa germanica dell’ Alto medioevo, nuovi spunti di

riflessione”.

Il Premio speciale Alfonso Traina e’ stato vinto da:

• Esmeralda Culcullo per un elaborato su “Il Sol nelle monete romane”.

Il Premio speciale Ermanno Winsemann Falghera, Presidente della Societa’ Numisamatica Italiana, se lo e’ aggiudicato:

• Sara Cappelletti per un lavoro su “Le monete bilingui di Mahmud di Ghazna”.

Per il Premio di numismatica “Memmo Cagiati” i vincitori sono stati:

• Simonluca Perfetto per “La unitat monetaria de les Dues Sicilies pel catala Frances Ximenis. La magistratura de la

seca i el Llibre de Comptes dela seca de Napols (1453-1454)”,

• Antonino Crisa’ per “An Eihtteenth-Century sicilian Coin Hoard from the Termoni-Cerda Railway Construction Site

(Palermo 1869)”,

• Michelangelo Boni’ e Davide Maria Gabriele per “Michele Laudicina: la vita di un genio trapanese raccontata dalle sue

medaglie”.

A ricordo della manifestazione e’ stata coniata, a cura dalla Associazione Italiana dell’Arte della Medaglia, una medaglia commemorativa del diametro di 70 mm., disponibile in bronzo e in argento, disegnata da un giovane artista, Gionatan Salzano, studente della “Scuola dell’Arte della Medaglia”.

La medaglia rappresenta la continuità nell’arte dell’incisione in Sicilia, dai maestri della Grecia classica, alla

produzione medioevale, fino ad arrivare all’età moderna. 

 

Il Congresso, che si e’ svolto nel 2009 a Glasgow in Gran Bretagna e che nel 2021 si svolgerà a Varsavia in Polonia, e’ stato come sempre un’ottima occasione per fare il punto sulla ricerca mondiale nel campo della numismatica; sia attraverso la survey sulla ricerca numismatica, che riporta gli abstract dei principali lavori pubblicati dal 2008 al 2013, sia attraverso le molteplici sessioni dei lavori congressuali: le relazioni, i poster e le tavole rotonde, ecc., ma anche attraverso le conoscenze e le amicizie che si istaurano e/o si consolidano in queste particolari occasioni, soprattutto negli after-congress, con studiosi di tutto il mondo, che sono utilissime per formare quella rete che e’ indispensabile per chiunque voglia tenersi aggiornato sugli studi e le ricerche realizzati a livello mondiale, nel cosi vasto e affascinante mondo della numismatica.