Consorziali e Gia' Consorziali

 

Con il proposito di razionalizzare gli Istituti di emissione, tramite la legge del 30 aprile 1874, venne istituito un Consorzio comprendente sei banche:

 

  • Banca Nazionale nel Regno d’Italia
  • Banca Nazionale Toscana
  • Banca Toscana di Credito
  • Banca Romana
  • Banco di Sicilia
  • Banco di Napoli

I sei istituti, in cambio della autorizzazione a emettere Biglietti Consorziali a Corso Forzoso con la dizione “BIGLIETTO CONSORZIALE”,   dovevano anticipare allo Stato le somme necessarie per il fabbisogno di bilancio. I sei istituti vennero riuniti in un Consorzio che poteva emettere banconote per conto dello Stato, ma che rendeva le sei banche responsabili in solido  nei confronti dei portatori dei Biglietti Consorziali.

Nel 1881 il Governo, in seguito al miglioramento del bilancio e alla decisione di abolire il Corso Forzoso (durato dal 1866 fino al 1881), decise di assumere direttamente la gestione e il rimborso dei biglietti Consorziali.Il Governo rilevo’ inoltre l’Officina Carte Valori di Roma  a  San Teodoro, e emise i biglietti cambiando l’intestazione in “BIGLIETTO GIA’ CONSORZIALE“.